Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

Luciano Berio

Luciano Berio e Luigi Dallapiccola, Tanglewood 1952

 

Oneglia (Imperia), 1925 – Roma, 2003

Luciano Berio nacque nel 1925 a Oneglia, all’epoca fresca frazione del neoistituito comune di Imperia, da Ernesto Berio e Ada dal Fiume. Impara a suonare il pianoforte dal padre e dal nonno, musicisti (furono entrambi organisti e compositori). In quel periodo, attraverso le esecuzioni domestiche che suo padre promuove (e conduce) assieme ad amici, conosce la produzione cameristica di musicisti come Schubert, Mendelssohn, Beethoven, Mozart e riceve (per tre anni) lezioni di violino. Si interessa anche alla musica operistica di Verdi e Puccini, tanto che a 13 anni rimane profondamente commosso dall’ascolto de La Bohème alla radio. Durante la Seconda Guerra mondiale è chiamato alle armi, ma il primo giorno si ferisce ad una mano mentre impara ad armare una pistola. È così costretto a trascorrere molto tempo all’ospedale militare, prima di fuggire per evitare la coscrizione.

Dopo la guerra, Berio studia al Conservatorio di Milano con Giulio Cesare Paribeni e Giorgio Federico Ghedini. Essendogli preclusa la carriera concertistica come pianista (a causa della ferita alla mano), Berio sceglie di concentrarsi sulla composizione. La prima esecuzione pubblica di un suo pezzo, una Suite per pianoforte, avviene nel 1947. In questo periodo lavora come accompagnatore al pianoforte in alcune classi di canto; è in questo modo che fa la conoscenza del mezzosoprano  americano Cathy Berberian, che sposa dopo essersi diplomato e dalla quale divorzierà nel 1964. Molte composizioni di questi anni utilizzano le caratteristiche peculiari della versatile, quanto inimitabile voce di questa cantante.

Nel 1951, Berio arriva negli Stati Uniti, al Tanglewood Music Center per studiare con Luigi Dallapiccola, dal quale sviluppa un vivo interesse verso la musica dodecafonica. Successivamente frequenta i corsi estivi di Darmstadt, incontrando Pierre Boulez, Karheinz Stockhausen, György Ligeti e Mauricio Kagel. Prende anche un vivo interesse per la musica elettronica e, insieme con Bruno Maderna, nel 1955 fonda lo Studio di Fonologia musicale RAI di Milano, uno studio dedito alla produzione di musica elettronica. Qui invita parecchi famosi compositori, tra i quali Henri Pousseur e John Cage. Fonda inoltre il periodico Incontri Musicali.

Nel 1960 Berio ritorna a Tanglewood come Compositore in residenza e nel 1962, su invito di Darius Mihaud, assume una cattedra presso il Mills College, a Oakland (California). Nel 1965 incomincia ad insegnare presso la Julliard School di New York, dove fonda il Juilliard Ensemble, un gruppo dedito a esecuzioni di musica contemporanea. Lo stesso anno si sposa con la filosofa della scienza Susan Oyama, dalla quale divorzierà nel 1971. In tutto questo periodo Berio si è alacremente creato una solida reputazione, vincendo il “Prix Italia” nel 1966 per Laborintus II (testo di Edoardo Sanguineti, con il quale già aveva collaborato, nel 1963, con l’opera Passaggio). Nel 1968 compone la sua Sinfonia eseguita alla Carnegie Hall di New York con gli Swingle Singers. Nel 1972 Berio torna in Italia. Tra il 1974 ed il 1980, su richiesta di Pierre Boulez, è direttore della divisione elettro-acustica dell’ IRCAM di Parigi. Nel 1977 si sposa per la terza volta, con la musicologa Talia Pecker.

Tra i suoi studenti si annoverano Louis Andriessen, Steve Reich, Steven Gellman, Dina Koston, Luca Francesconi, Giulio Castagnoli, Flavio Emilio Scogna. Nel 1987 fonda a Firenze Tempo Reale,  centro di ricerca, produzione e didattica musicale attivo ancora oggi, con lo scopo di investigare nell’ambito delle applicazioni delle nuove tecnologie al campo musicale; con i musicisti e tecnici del centro Berio realizza i suoi ultimi lavori con elettronica. Nel 1994 è “Distinguished Composer in Residence” presso la Harvard University, dove rimane fino al 2000. È stato attivo anche in qualità di direttore d’orchestra ed ha continuato a lavorare, sia come direttore che come compositore, fino agli ultimi giorni della sua vita. Nel 2000 diventa Presidente e Sovrintendente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma; è proprio sotto la sua sovrintendenza che viene inaugurato, nel 2002, il nuovo Auditorium Parco della Musica. Nel 2001 è autore di un nuovo finale dell’opera Turandot di Puccini, significativamente diverso da quello tradizionale di Ftanco Alfano.

Luciano Berio muore nel 2003 all’età di 77 anni a Roma, poco dopo aver ultimato la stesura del brano Stanze, per baritono, coro e orchestra. La sua tomba si trova nel Cimitero di Radicondoli, borgo medievale della Provincia di Siena a cui Berio era molto legato.


Per approfondimenti: 

http://www.lucianoberio.org/

https://it.wikipedia.org/wiki/Luciano_Berio

 

Catalogo delle composizioni

error: Content is protected !!